DEDICATA AL FORNO DI CONFLENTI

 

Eranu quattru buoni amici,

seduti pari, pari supra nu muru

Pietru diciu a Giuanninu lu furnaru:

Ssu furnu tue, chi nfurna e sfurna

chi duna p'pane a d'ogni cujjientaru,

ma puru a ri paisi cchiu' vicini,

autru nu faciti ca mpurnare ppe' ttutta l'annata

viscotta e vuccellati e p'pizze a ra cateri',

chi su nna vera cannunata.

A ssu discursu rispunniu

Peppe u riogiaru diciennu:

Tu stasira na pizza a ra cateri' nn'hai de preparare,

pecchì chissa è nna gula chi me l'haiu de cacciare,

a ru mumenti subitu Cicciu disse a ru furnaru Giuanninu:

Tu v'hai a f'fare a pizza ca iu v'haiu a pi­gliare u vinu,

veru de marca Ciccciu Rubinu.

Mancu passa na mienzura arriva

chiina, chiina na pizza d'alici

fatta apposta ppe ll'amici,

e s' sutta l’umbra e nu calips la spanniu e diciu:

manciati, viviti ca siti tutti quanti veri amici.

 

<<

Centro di Cultura per l’Educazione Permanente UNLA via Vittorio Butera 88040 Conflenti (CZ)

Tutti i diritti riservati UNLA Conflenti

Progettazione e Realizzazione CR

via Marconi 88040 Conflenti (CZ)

Per maggiori informazioni @