16 AGOSTO 2006 ORE 21.30- Sagrato del Santuario

 

 

Una serata per celebrare Vittorio Butera, la sua terra e la lingua della sua gente. 

Durante la manifestazione sono stati presentati i libri:

-“La lingua di Vittorio Butera”.

-“Le pietre, le case, la gente”

-“I Giochi sono fatti”

-“I colori”

“La lingua di Vittorio Butera”

 

di Antonio Coltellaro - Ed. Calabria Letteraria.  

L'opera diretta a studiare e salvaguardare il patrimonio culturale locale, analizza, dal punto di vista linguistico, la poesia di Vittorio Butera mettendo in luce le caratteristiche fonetiche, lessicali e morfo-sintattiche.

“Le pietre, le case, la gente”

 

di Francesco S. Stranges - Ed. Il Cerchio, Napoli.

Storie d'un paese d'altri tempi, fatto di strade acciottolate, di orti e di botteghe, storie di un mondo vivo e palpitante perchè vissuto, un mondo che ti ricorda i colori, i profumi, le voci dell'infanzia. Ed ecco, senza accorgertene ti sostituisci all'Autore e senti tue le pietre, le case, la gente.

“I Giochi sono fatti”

 

di Eugenio Giudice e Gianni Boscolo - Ed. Angolo Manzoni, Torino.

Venticinque personaggi, illustri e no, raccontano i giorni dell'Olimpiadi Invernali 2006.

“I colori”

 

di Vittoria Butera - Ed.Istituto del Colore, Milano.

L'autrice trasporta nel racconto le caratteristiche fisiologiche dei colori, affinché guidino il lettore nella decodificazione dei significati, che, nonostante la loro molteplicità e le ambivalenze nelle varie culture, sono riconducibili all'essenza dei colori primari e ai loro effetti sulla percezione dell'umanità originaria. ...