Un consorzio turistico - religioso fra enti


 

CONFLENTI - Promuovere lo sviluppo unitario di realtà territoriali diverse, unite dalla presenza secolare di Santuari di culto mariano. Questa l'intenzione dei tredici Amministratori comunali i quali, nelle prossime settimane, daranno vita ad un apposito consorzio per la valorizzazione di un itinerario turistico-religioso che vedrà come protagonisti i Santuari presenti nei singoli Comuni.
I rappresentanti dei paesi consorzianti si sono riuniti presso la sala consiliare di Conflenti.
Solo cinque i comuni rappresentati nell'incontro conflentese; oltre al "padrone di casa", il sindaco Francesco Esposito, erano ­ infatti ­ presenti l'assessore di Gimigliano Masino Paonessa, Raffaele Mirienzi primo cittadino di Pentone, Rosario Viscomi sindaco di Magisano e Giuseppe Pitano massimo rappresentante di Torre di Ruggiero. Nonostante le numerose assenze, comunque, il progetto del consorzio è gia in una fase avanzata e tutti i promotori sono entusiasti dell'iniziativa.
In realtà, l'idea di riunire più comunità accomunate dalla presenza di Santuari mariani non è nuova.
Nel 1996, infatti, l'allora sindaco di Conflenti Giovanni Paola prese l'iniziativa di mettere insieme dodici paesi con importanti siti turistico-religiosi. Con queste intenzioni, Conflenti, Dipingano, Gimigliano, Pentone, San Luca, San Sosti, Seminara, Serra S. Bruno, Torre di Ruggiero, Vallelonga, Corigliano e Cerchiara si unirono in un associazione di Comuni che prese il nome di "Consorzio Calabria Giubileo 2000".
Al gruppo iniziale, si è adesso aggiunto il Comune di Feroleto Antico, portando a tredici il numero degli Enti locali che a breve daranno vita a un nuovo consorzio.
Del legame tra le due forme associative, quella partita nel 1996 e quella che vedrà la luce a breve, ha parlato proprio Giovanni Paola, ex sindaco di Conflenti invitato all'incontro in qualità di presidente del Consiglio provinciale.
«La ricetta vincente ­ ha spiegato Paola ai presenti ­ è il lavoro duro e costante di tutti i consorziati. Il legame con il Consorzio Calabria Giubileo 2000 è solo romantico, quello odierno è un progetto diverso che si prefigge l'obbiettivo di durare nel tempo».
Una riunione, quindi, ricca di spunti e particolarmente articolata. La decisione finale è stata quella di fissare una data, il ventuno di dicembre, giorno in cui gli Amministratori interessati si riuniranno nuovamente per gli ultimi dettagli e per la firma dell'accordo.
Prima ancora di quella data, però, i rappresentanti degli stessi Comuni ­ in accordo con Antonio Iera responsabile locale dell'Associazione "Opera Romana Pellegrinaggi" - si recheranno a Roma, il tredici dicembre, per assistere all'udienza che Papa Benedetto XVI ha riservato ai calabresi.
«Per noi ­ ha concluso Francesco Esposito- i Santuari mariani rappresentano una concreta ipotesi di sviluppo che non possiamo tralasciare. Mettere insieme idee, esperienze e sacrifici potrà solo facilitare questo tipo di sviluppo».




 

PUBBLICATO IL 25/11/2006 - FONTE quotidianodellacalabria

 

 

 

 

<<<