Conflenti. A scuola nell'edificio ristrutturato
Primo giorno nel nuovo istituto
 

 

CONFLENTI - Nonostante alcuni grandi problemi, l'anno scolastico è ripartito regolarmente anche a Conflenti.
L'inizio delle lezioni, per le scuole elementari e medie del paese, è stato fortemente a rischio dopo che una perizia tecnica aveva accertato l'inagibilità dello stabile che ospitava i giovani alunni conflentesi.
Nel mese di luglio, infatti, la Premac ­ una società specializzata in verifiche sugli edifici ­ e alcuni esperti dell'Università della Calabria hanno riscontrato una carenza di calcestruzzo nei pilastri del secondo piano della struttura.
Visto il concreto pericolo di un cedimento, il sindaco Francesco Esposito aveva disposto l'immediata chiusura dello stabile.
L'edificio scolastico, sito in via Vittorio Butera ­ nel centro del paese ­ era stato costruito negli anni '50 per far fronte al problema della scuola, che costringeva il Comune a dover affittare case di privati cittadini per trovare una sistemazione a centinaia di alunni.
Una volta realizzato, lo stabile risultava composto da tre piani.
Nell'ultimo anno scolastico, il piano terra è stato utilizzato per il servizio mensa, al primo piano erano ospitate le scuole elementari, al secondo ­ quello risultato maggiormente a rischio ­ le scuole medie.
Dopo aver ordinato la chiusura dell'edificio scolastico, l'Amministrazione comunale conflentese si è subito prodigata per trovare una collocazione idonea alle due scuole, in tempo per garantire la regolare apertura dell'anno scolastico.
La scelta è immediatamente ricaduta sulla struttura che fino a cinque anni fa ospitava le scuole medie ­ sita a poche centinaia di metri dallo stabile dichiarato inagibile ­ poi chiusa per trasferire tutti gli alunni in uno stesso sito.
Il nuovo stabile risultava, però, non in perfetto stato e così Esposito e la sua giunta hanno dovuto procedere all'affidamento dei lavori di sistemazione e ammodernamento della struttura con una procedura d'urgenza.
I lavori sono stati condotti celermente e sotto il controllo costante degli Amministratori conflentesi.
Alla fine tutto è andato per il meglio e, proprio ieri, i giovani studenti conflentesi si sono ritrovati tutti insieme davanti alle porte della loro nuova scuola.
"E' stato uno sforzo incredibile ­ ha dichiarato il primo cittadino conflentese Francesco Esposito ­ a pochi mesi dalla nostra elezione abbiamo dovuto dedicare tutte le nostre attenzioni a questo problema tralasciando, purtroppo, qualche altra cosa. Ora che tutto si è normalizzato possiamo tornare a concentrarci sulla realizzazione del programma elettorale".
 

 

PUBBLICATO IL 19/09/2006 - FONTE IL QUOTIDIANO DELLA CALABRIA

<<<