Un itinerario mariano



 

CONFLENTI - È previsto per questa mattina a Pentone l'incontro dei sindaci dei comuni che dovrebbero consorziarsi in un itinerario mariano calabrese: Conflenti, Corigliano, Dipignano, Gimigliano, Pentone, Serra San Bruno, Torre di Ruggiero, Vallelonga. Un'iniziativa che permetterebbe a Conflenti e agli altri paesi di dotarsi delle infrastrutture, dei servizi necessari per sostenere il turismo religioso. Quest'anno, secondo l'Amministrazione comunale conflentese, s'è registrato un lieve incremento del flusso dei pellegrini in concomitanza con i festeggiamenti della Madonna di Visora dell'ultima domenica di agosto. La notorietà di Conflenti ruota intorno al culto mariano.
Il centro del Reventino ormai è vocato al turismo religioso. Un settore da valorizzare con opportuni interventi. Al momento, però, si registrano carenze, specie per quanto concerne la disponibilità di servizi igienici pubblici, di aree di parcheggio, di luoghi di ristoro. L'Amministrazione spera di potere realizzare per il prossimo anno gli indispensabili servizi igienici in prossimità del santuario: avrebbe individuato già le necessarie risorse finanziarie. Per il potenziamento dei parcheggi e per i servizi d'accoglienza punta, invece, sui finanziamenti che seguirebbero alla costituzione del Consorzio per l'itinerario mariano in Calabria, benché la Comunità montana Reventino-Tiriolo-Mancuso abbia mostrato un certo interesse verso la soluzione del problema dell'insufficienza dei parcheggi.
Esisterebbe con la Diocesi un'unità di intenti per la creazione di una sorta di "oasi mariana", giacché Conflenti è sede del santuario della Madonna di Visora e di un eremo (ospita già tre monaci). È in fase di costruzione, inoltre, un monastero delle Clarisse. Per questo «vorremmo tramutare il vecchio consorzio per il giubileo in un consorzio per l'itinerario mariano in Calabria – ha detto il sindaco – sottoponendo poi alla Regione, per poterlo inserire nei Por 2007/2013, un progetto complessivo per dotare i comuni aderenti di una serie di infrastrutture», ricettive, viarie, ecc. Infrastrutture che supporterebbero l'itinerario mariano, promuovendo nel contempo la vivibilità collettiva nelle località interessate. L'incontro tra i sindaci di queste ultime è finalizzato a verificare la fattibilità dell'iniziativa. Quest'anno a Conflenti è stato istituito un punto d'informazione per i pellegrini. Ma occorre ben altro ancora.

 

 

PUBBLICATO IL 18/10/2006 - FONTE Gazzetta del Sud

<<<